Chi siamo Forum CHI SONO IO Ho avuto un'infanzia felice anche se…

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  Elisa Bellini 2 settimane, 1 giorno fa.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #178

    Elisa Bellini
    Partecipante

    Sono Elisa.
    Ho avuto un’ infanzia felice anche se ho perso mio padre a 11 anni e mia madre 20 anni dopo.
    Mia mamma è stata la figura più importante negli anni adolescenziali. Ha saputo trasmettermi amore, dolcezza e tenacia, qualità necessarie per prepararmi ad affrontare le asperità della vita.
    Ho un animo un po’ selvaggio, complici forse quei miei primi 10 anni di vita vissuti in campagna nella casa dei miei genitori: anni per me indimenticabili, liberi e spensierati a contatto con i profumi, i colori e l’imprevedibilità della natura come pure caratterizzati dall’amore istintivo per gli animali.
    Da mio padre ho colto la passione che aveva nel raccontare i segreti e la magia del mondo circostante; forte è ancora nella mia memoria il suono dolce e struggente del suo mandolino.
    Molti anni sono ormai passati da allora e nel corso del tempo ho vissuto il mio “alfabeto della vita”: il lavoro, l’amore, il matrimonio, la maternità e una fede più matura e profonda.
    Il mio modo frenetico di vedere la vita e il lavoro molto impegnativo mi impedivano però di avvicinarmi alle cose che mi interessavano di più. Quando infine è arrivato il momento fatidico della sospirata e temuta pensione, ho avuto la gioia speciale di frequentare a Padova la scuola quadriennale di yoga con mio marito : un percorso di approfondimento e cambiamento che abbiamo deciso di fare insieme. Lavorare su di me è sempre stato difficile e faticoso perché sono una persona attiva più che portata all’introspezione : è come se avessi paura di guardare dentro di me, di osservarmi e giudicarmi. Ho imparato dallo yoga la necessità di diventare una osservatrice attenta e silenziosa di me stessa, a non volere affrettare i tempi che devono essere necessariamente lenti. Non mi devo creare false illusioni di raggiungere chissà quale alta vetta, considerata anche l’età non più giovane. Goethe diceva giustamente:” non è importante fare dei passi che un giorno ci condurranno al fine, ognuno dei passi deve essere in se stesso una meta”.
    Ora sono qui con voi per cercare le parole per dire chi sono…

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.