MURI E PONTI – Ti respingo o ti accolgo?

MURI E PONTI – Ti respingo o ti accolgo?

“Muro” cosa mi rappresenta? Qualcosa che mi blocca, mi fa arretrare, mi respinge. Ho vissuto da bambina un’esperienza che potrei definire di muro quando mi è successo un evento traumatico, un tentato abuso, fortunatamente non riuscito, evento che sono corsa a raccontare alla mia mamma che non mi ha creduto. Lei mi ha detto che sicuramente era frutto della mia fantasia. La delusione è stata cocente, è stato un dolore così profondo che mi è rimasto vivo dentro. Mi sono trovata davanti ad un muto respingente, invalicabile e questo momento ha segnato la mia relazione con la persona che doveva essere la più accogliente della mia vita. Un muro che purtroppo non sono mai riuscita ad abbattere
Adesso che sono adulta mi dispiace che questo episodio abbia condizionato così tanto il mio rapporto con mia mamma ma non mi resta che fare pace con lei, che adesso non c’è più, e perdonarla facendo tesoro di questa esperienza per non ripeterla a mia volta con i miei figli, amici, con chiunque attraversi la mia vita.
Incontro un muro, in alcune circostanze, nel mio rapporto d coppia quando per incomprensioni o punti d vista differenti ci chiudiamo entrambi e il muro da piccolo diventa sempre più alto e consistente, allora è difficile abbatterlo, ci vuole molta buona volontà e soprattutto la consapevolezza che la persona è più importante del suo punto d vista, della sua testardaggine, dei suoi limiti Ma nella mia coppia chi comincia per primo ad abbattere il muro? Di solito quello dei due che sta più male e non ce la fa più a reggere il silenzio, l’indifferenza, la lontananza. Allora basta dire scusa e il muro si sgretola magicamente.
Cos’è un “ponte”? Nel mio immaginario è qualcosa che unisce, che congiunge e supera gli ostacoli.
I ponti, i cavalcavia li conosciamo tutti per averli percorsi tante volte ma mi piace parlare non tanto dei ponti fisici quanto d quelli relazionali.
Quando ho costruito un ponte? Mi ricordo il rapporto difficile con una persona amica, piuttosto spigolosa, alla quale bastava poco per adombrarsi e sentirsi offesa. Io più volte con lei ho usato la strategia della lettera, uno scritto nel quale le dicevo i miei sentimenti, le esprimevo affetto e comprensione. Bastavano poche righe per ricevere il suo grazie e sentire che l’ostacolo era superato. Penso anche ai nostri fratelli immigrati verso i quali c’è ancora diffidenza e rifiuto. Credo che anche per me sia difficile lanciare un ponte e superare tutti i pregiudizi, le resistenze, la mancata accoglienza: questo ponte è tutto da costruire non solo per me ma, credo, per tante altre persone. Ammiro molto coloro che salvano in mare, che creano i corridoi umanitari perché queste persone sono davvero costruttori di ponti…..costruttori d solidarietà.
Tutti siamo chiamati ad abbattere muri e costruire ponti! Mettiamocela tutta 😘

Inviato da iPhone

Carla Gaviraghi
Carla Gaviraghi

sono un'assistente sociale in pensione. Ho 4 figli, un marito e una vita travagliata. Mi sostiene la fede in Dio. Amo scrivere, stare con le persone, ascoltarle, se posso aiutarle. Ho 75 anni, una situazione di salute difficile. Sono contenta di essere in questo gruppo!!!

1 commento finora

Avatar
Benedetta Murachelli Scritto il18:43 - 4 Dicembre 2019

Anch’io sono contenta di averti incontrata, bellissimo anche il tuo testo. Ci vediamo il 14? Ci conto.