Aki e Haru – racconto d’autunno

Aki e Haru – racconto d’autunno

Aki scostò il pannello di legno e carta di riso per far entrare la luce del mattino.

Sporse il viso tondo e fresco come un petalo di ciliegio per osservare la prima neve cadere e perdersi  nella terra scura del pianoro antistante.

Presto sarebbe arrivato un inverno lungo e freddo.

Gli alberi sui declivi trattenevano le loro foglie colorando il paesaggio d’amaranto, carminio, miele porpora e molti altri colori ancora.

Aki azzardò qualche passo sulla veranda per annusare l’aria  che odorava di montagne.

Poi il suo sguardo abbracciò le cime. I suoi occhi avevano il colore e la forma delle mandorle che crescevano a valle,  nella prefettura di Akita.

Sorrise alla natura, e due  fossette le contornarono la piccola bocca gonfia di vita.

Improvvisamente il vento le portò lo scalpitio di cavalli.

Qualcuno sarebbe presto arrivato,  e mai nessuno si arrampicava sino al pianoro di Kyatzu.

Un artiglio d’ansia le si aggrappò al petto rendendola incapace di muoversi.

-Haru! Haru!- cercò di gridare, ma la voce le si perdeva in gola.

Il suo giovane sposo dormiva sazio nella stanza dei tatami.

-Haru! Haru!- urlò finalmente correndo dentro casa.

-Aki cosa ti succede? Hai di nuovo visto un orso?-

-Haru! Qualcuno sta arrivando- riuscì a dire la piccola Aki accasciandosi sul tatami,  ancora tiepido ed afroso .

La luce del giorno proveniva ancora da est di Kyatzu quando due messi dello Shogun Akaori scesero dai cavalli e fecero risuonare i loro passi sulle assi di faggio della veranda.

-Samurai Haru!- chiamarono gli uomini.

Aki aprì i pannelli ai messi. I suoi occhi scuri rimanevano bassi.

Inchinandosi si scostò per farli entrare.

Haru non si voltò subito e rimase a guardare la stufa sorbendo rumorosamente la calda bevanda di riso.

-Samurai Haru, abbiamo un messaggio da recapitarvi-

Haru finalmente si girò lentamente prendendosi il tempo di osservare i due uomini coperti di pellicce.

Tese la mano per prendere il rotolo che gli veniva offerto dai due messi inginocchiati.

Poi tornò a guardare la stufa e gli uomini lasciarono la soglia di casa porgendo un ultimo inchino.

-Aki, devo partire. Lo shogun mi ha convocato per difendere le terre di Kyushu da un feroce nemico. Il suo nome è Kublai Kahn. Viene dal mare e tra pochi giorni toccherà le nostre coste. Dovrò essere lì per  tempo e partire oggi stesso-

Aki  rimase in silenzio, mentre i suoi occhi seguivano le nodosità del pavimento come se cercassero pezzi di Shogi(1)  sparpagliato ovunque.

Haru le prese le mani e la condusse fuori.

-Aki- disse – guarda questo ciliegio. Oggi le sue foglie sono d’oro. presto cadranno.

Ne colgo due. Una la terrò qui ben riposta nel mio petto,l’altra la conserverai tu.

Queste due foglie non cadranno a terra, e la mia promessa, amata moglie, è di tornare da prima che le nuove gemme di questo ciliegio vedano il mondo.-

Aki guardò il ciliegio poi alzò lo sguardo verso le montagne e,  tra gli alberi,  vide l’orso fermarsi ad osservare  loro due fermi mano nella mano..

(1) antico gioco giapponese simile agli scacchi

 

 

Monica Caprari
Monica Caprari

4 commenti

Oldgamine
Oldgamine Scritto il18:33 - 9 Novembre 2019

Monica, possiedi una bravura straordinaria, un dono unico, impareggiabile, con il quale stupire ogni volta.

JBo
JBo Scritto il12:37 - 11 Novembre 2019

Delicato ed evocativo come un te al gelsomino!
Credo che manchi un “te” nella quinta riga dal basso [tornare da].

Avatar
Benedetta Murachelli Scritto il09:23 - 18 Novembre 2019

Come se dipingessi, descrizioni concise ed efficaci. A presto!

    Valeria Giacomello
    Valeria Giacomello Scritto il10:27 - 22 Novembre 2019

    Pura poesia!